Tesori in frantumi

Una voce dall'abisso

ZOMBI di George Romero (DAWN OF THE DEAD, Horror, durata 126′ min., USA 1978)

Oggi presento uno dei film più importanti della mia vita, che ha contribuito ad avvicinarmi alla fede quando ne ero ancora lontana. Sembra paradossale, ma a volte sono proprio i film senza speranza ad avvicinarti alla speranza. Quando lo vidi per la prima volta avevo quindici anni. Mi turbò profondamente, come solo i grandi capolavori possono fare. Mi fece sentire fortemente, come si sente la nausea, quanto è brutto il materialismo.

A me personalmente, come a molti, il tema degli zombi appassiona ben poco. Inoltre, non si può negare che la stragrande maggioranza dei film sugli zombi sono men che mediocri, ripetitivi, non di rado perfino ridicoli (per la gioia dei cultori del trash e del “filmbruttismo”). Invece, Zombi – L’alba dei morti viventi di Romero è un film sugli zombi che può appassionare anche chi gli non sopporta né gli zombi né il genere horror. Infatti, è molto più che uno dei migliori film del filone zombi ed è anche molto più che un film di genere horror. Infatti, ha dentro un pensiero moto forte, che lo eleva fin quasi al piano dei capolavori.  L’’apocalisse zombi appare chiaramente come una metafora altamente fantastica di qualcosa di molto reale. Si dice che i film sul tema zombi di Romero, convinto socialista, abbiano innanzitutto un significato “politico”: i suoi zombi rappresenterebbero i “dannati della terra”, gli sfruttati, gli emarginati, le vittime delle ingiustizie sociali. Io personalmente colgo anche un significato filosofico-esistenziale, molto più coinvolgente di quello meramente politico: l’apocalisse zombi è una metafora della condizione umana nel quadro di una visione materialista dell’esistenza.

Nel corso del film non si sente mai parlare né di Dio né di aldilà, se si esclude un laconico accenno all’inferno (“Quando l’inferno è pieno, i morti tornano sulla terra”). Il film inizia “in medias res”: il mondo è invaso da orde di morti viventi affamati di carne umana viva. Non viene mai detto quale può essere la causa di questa catastrofe, e nessuno nel film si preoccupa neppure di cercarla. L’unica cosa di cui ci si preoccupa è di salvare la pelle. Dunque, abbiamo da una parte corpi umani morti in cerca di corpi umani vivi, e dall’altra corpi umani vivi che cercano di fuggire dai corpi morti. Ma la loro fuga dai morti e dalla morte non può durare a lungo. Che sia per il morso di uno zombi o che sia per la vecchiaia, tutti i corpi sono destinati a perire. Quindi, fra i vivi e i morti viventi alla fine sembra non esserci molta differenza. Nel quadro di una visione materialistica, l’essere umano non è altro che un corpo materiale che ha soltanto bisogni materiali che può soddisfare consumando beni materiali (d’altra parte il materialismo dialettico marxista afferma che i bisogni “spirituali” son soltanto “sovrastruttura” ossia rappresentazione dei bisogni materiali). Quindi, l’unica possibile differenza fra i vivi e i morti è che i primi possono consumare merci mentre i secondi no.

L’idea geniale di Romero è di mettere i morti in un centro commerciale: il tempio post-moderno del consumismo. La cosa inquietante è che tutti i centri commerciali del mondo si assomigliano fra loro: quello che si vede nel film è simile in tutto e per tutto anche a quello in cui vai normalmente tu. Quando si vedono sciamare le folle per i corridoi di uno di quei giganteschi non-luoghi, può dunque capitare di pensare alle orde degli zombi. E’ significativo che nel film l’istinto trascini i morti viventi proprio in quel luogo: “Era un posto importante per loro quando erano vivi”. E adesso, tutta quella montagna di merci incustodite, che potrebbero saccheggiare tranquillamente, non serve loro a niente. Quindi nel film c’è anche una critica al consumismo, che riempie l’uomo di soddisfazioni effimere, destinate a dissolversi in fretta, e che non può salvarlo dal suo amaro destino. Quando mostra immagini truculente (ferite sanguinanti, carni lacerate, carni decomposte, teste mozzate e chi più ne ha più ne metta), il regista non sembra che voglia solleticare i bassi istinti (sadici, morbosi) degli spettatori, ma piuttosto sembra volere suscitare e amplificare in loro l’orrore verso il processo di decomposizione e distruzione della carne, inteso appunto come destino finale dell’uomo in un’ottica materialistica. Delle merci consumate e in generale di tutte le soddisfazioni materiali resta nulla dopo la morte. Viene da pensare alla parabola evangelica del tizio che muore all’improvviso dopo avere accumulato montagne di beni.

Nel film non c’è né speranza né fede. Ma seppure sei un materialista convinto, dopo avere visto Zombi può capitarti di pensare che sarebbe meglio che la realtà non fosse solo materia, che sarebbe meglio se la morte non fosse la fine di tutto. Insomma, può capitarti di pensare che sarebbe meglio che Dio esistesse. In conclusione, questo film appartiene alla categoria delle opere d’arte che ti avvicinano alla speranza affermando la disperazione, che ti avvicinano alla fede proprio negando la fede.

Per quanto riguarda l’aspetto formale, il film è di altissimo livello. Il regista moltiplica le inquadrature e le sequenze, legandole assieme con un montaggio molto serrato. Inoltre, costruisce con estrema abilità scene d’azione che coinvolgono parecchie decine di comparse, tenendoti col fiato sospeso fino alla fine. Da non dimenticare la colonna sonora dei Goblin, che hanno tirato fuori dal loro delirio lisergico suoni strani, inquietanti, cupi, talora accelerati da ritmi rock incalzanti.

Zombi9

Zombi8

Navigazione ad articolo singolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...