Tesori in frantumi

Una voce dall'abisso

Archivio per il tag “eurobond”

Contro la dittatura del partito unico keynesiano

Da ieri sul sito di Tempi:

http://www.tempi.it/contro-la-dittatura-del-partito-unico-keynesiano#.VdW98pcztfl

Annunci

LA CRISI ECONOMICA? E’ SPIRITUALE. Come l’ingiustizia spirituale produce catastrofi materiali spaventose.

Articolo pubblicato su Pepe 27, numero dedicato alla giustizia, uscito in dicembre 2013.

Pepe_27_Giustizia

LA CRISI ECONOMICA? E’ SPIRITUALE

Dal momento che è composto di corpo e spirito, un essere umano può subire sia ingiustizie di carattere fisico sia ingiustizie di carattere spirituale. L’omicidio e il furto, per fare due soli esempi, costituiscono ingiustizie fisiche, mentre la calunnia, la diffamazione e la menzogna costituiscono ingiustizie spirituali. Il corpo è un “mezzo” molto nobile, ma pur sempre un mezzo dello spirito: è il pensiero a muovere il corpo e non il corpo a muovere il pensiero. Dal momento che dunque lo spirito è in qualche maniera superiore al corpo, le ingiustizie spirituali sono molto più lesive delle ingiustizie fisiche. Nessuna massima è dunque più vera di questa: “Ne uccide più la penna che la spada”. Infatti la spada può infliggere solo delle lesioni fisiche, mente la penna può infliggere lesioni spirituali. Se ad esempio un giornalista diffama una persona, attribuendole colpe che non ha, quella persona molto probabilmente perderà tutte le amicizie, soffrendone molto. Una lesione “spirituale” ha quasi sempre anche conseguenze materiali: una persona diffamata a mezzo stampa rischia di perdere il lavoro e di ritrovarsi su una strada, nei casi più gravi può diventare bersaglio di vendette e rappresaglie da parte di quanti si considerano sue vittime.

Adesso vorrei soffermarmi su un tipo particolare di ingiustizia spirituale che oggi è molto diffusa: l’ingiustizia informativa, che consiste nel deformare e occultare la verità dell’informazione storica, economica, filosofica eccetera. Nessuna ingiustizia ha conseguenza più profonde, estese e devastanti delle ingiustizie informative, che sono le più grandi delle ingiustizie spirituali e quindi le più grandi ingiustizie in assoluto. Mi viene in mente un geniale aforisma di Hernest Hello, polemista cattolico del XIX secolo: «Sono i principi che guidano il mondo, senza che il mondo sappia da chi è condotto. La più lieve negazione religiosa si trasforma in catastrofi materiali spaventevoli. Tu neghi il dogma: ti credi nel regno delle teorie senza conseguenze: il sangue scorre. Sarai spaventato dagli effetti; non vedrai le cause». Negando l’immortalità dell’anima, mettendo l’uomo sullo stesso piano degli animali, la cultura atea e positivista ha aperto le porte dei lager e dei gulag

Venendo alla cronaca di questi giorni, la più piccola negazione filosofica ed economica si traduce in catastrofi storiche ed economiche spaventevoli. Il 16 ottobre 2013 sul Imola oggi Roberto Orsi della London School of Economics ha scritto: «dell’Italia non rimarrà nulla, in 10 anni si dissolverà. Gli storici del futuro probabilmente guarderanno all’Italia come un caso perfetto di un Paese che è riuscito a passare da una condizione di nazione prospera e leader industriale in soli vent’anni in una condizione di desertificazione economica, di incapacità di gestione demografica, di rampate terzomondializzazione, di caduta verticale della produzione culturale e di un completo caos politico istituzionale. Lo scenario di un serio crollo delle finanze dello Stato italiano sta crescendo, con i ricavi dalla tassazione diretta diminuiti del 7% in luglio, un rapporto deficit/Pil maggiore del 3% e un debito pubblico ben al di sopra del 130%. Peggiorerà.  (…) L’Italia ha attualmente il livello di tassazione sulle imprese più alto dell’UE e uno dei più alti al mondo. Questo insieme a un mix fatale di terribile gestione finanziaria, infrastrutture inadeguate, corruzione onnipresente, burocrazia inefficiente, il sistema di giustizia più lento e inaffidabile d’Europa, sta spingendo tutti gli imprenditori fuori dal Paese. (…) La scomparsa dell’Italia in quanto nazione industriale si riflette anche nel livello senza precedenti di fuga di cervelli con decine di migliaia di giovani ricercatori, scienziati, tecnici che emigrano in Germania, Francia, Gran Bretagna, Scandinavia, così come in Nord America e Asia orientale. (…) L’attuale leadership non ha la capacità, e forse neppure l’intenzione, di salvare il Paese dalla rovina. Sarebbe facile sostenere che Monti ha aggravato la già grave recessione. Letta sta seguendo esattamente lo stesso percorso: tutto deve essere sacrificato in nome della stabilità. (…) A meno di un miracolo, possono volerci secoli per ricostruire l’Italia.»

La dissoluzione prossima ventura dell’Italia è la logica conseguenza di una campagna di ingiustizia informativa portata avanti per più di cinquant’anni dalle élite intellettuali italiane, tutte rigorosamente di sinistra. Impadronitesi di tutte le centrali dell’informazione e dell’istruzione (giornali, televisioni, scuole, università eccetera), queste élite hanno potuto inoculare nella mente della stragrande maggioranza degli italiani le menzogne marxiste e keynesiane. Accecati da queste menzogne, gli italiani hanno sempre votato per i partiti che promuovevano l’aumento incontrollato della spesa pubblica e delle tasse e il saccheggio sistematico delle ricchezze prodotte. Sotto un altro punto di vista, gli italiani hanno sempre votato per i partiti statalisti perché in Italia tutti i partiti sono statalisti. In Italia l’unica scelta possibile è fra partiti molto statalisti e partiti un po’ meno statalisti, che si spacciano per “liberali”. Infatti in Italia, per dirsi “liberali”, ai politici basta promettere a vuoto di abbassare le tasse. Anche se non lo fanno, gli elettori non se ne accorgono e li votano di nuovo. Di recente i sedicenti “liberali” insediati nel “governo delle larghe intese”, autoproclamatisi comicamente “sentinelle anti-tasse”, hanno promesso di abbassare le tasse. Tuttavia, non solo non si sono impegnati a tagliare un  solo euro di spesa pubblica ma l’hanno aumentata a nostra insaputa. Ora, la matematica elementare vieta di tenere insieme l’aumento della spesa pubblica con la diminuzione delle tasse. E’ come se io volessi comprare il doppio di quello che compravo prima spendendo la metà di quello che spendevo prima. E infatti le tasse stanno aumentando a nostra insaputa.

Ecco tutta la storia d’Italia dal dopoguerra ad oggi in forma di sillogismo: le élite intellettuali hanno indotto gli italiani a votare per i partiti statalisti, i partiti statalisti hanno aumentato la spesa e le tasse, la spesa e le tasse stanno uccidendo l’Italia. La mente degli italiani è talmente obnubilata dalle menzogne, che non riescono neppure a vedere la realtà. Lo Stato li sta uccidendo e loro chiedono più Stato. L’Italia sta per dissolversi bel buco nero del debito e gli italiani chiedono allo Stato di aumentare il debito creando migliaia di posti di lavoro e stampando denaro. Vengono in mente i medici antichi, che non sapevano fare atro che salassi. Ebbene, il popolo italiano è simile ad un malato stremato da infiniti salassi che supplica lo Stato-medico di fargli ancora un altro salasso, ma più forte. E quando sarà in coma irreversibile, nell’ultimo barlume di coscienza prima della morte, stordito dalla morfina, il popolo si sentirà felice e dirà: “La ripresa sta arrivando”.

Come ho detto, questa follia suicida collettiva è stata scatenata dalla visione menzognera della realtà che le élite intellettuali italiane, tutte rigorosamente di sinistra, hanno inoculato nella mente degli italiani. Secondo questa visione, che è un po’ marxista e un po’ keynesiana, ogni crisi economica (con tutti i corollari: disoccupazione, inflazione, stagflazione, crisi del debito sovrano eccetera) sarebbe causata dall’accumulazione della ricchezza da parte dei “ricchi”, in altri termini i “ricchi” (borghesi, capitalisti) si arricchirebbero rubando ai “poveri” (proletari, operai, lavoratori dipendenti, disoccupati eccetera). I giornalisti di sinistra ripetono ogni giorno come un mantra: “Oggi i ricchi diventano sempre più ricchi e i poveri diventano sempre più i poveri”.

Una volta convinto il popolo che i ricchi rubano ai poveri, lo si può convincere ad adorare lo Stato come una divinità. Gli intellettuali di sinistra ripetono come un mantra: “Lo Stato ha il compito di ridistribuire le ricchezze tramite il fisco”. Nel concreto, lo Stato socialdemocratico usa i soldi delle tasse per creare milioni di posti di lavoro pubblici (nella pubblica amministrazione e nelle aziende pubbliche), per finanziare welfare e per donare ai “poveri” ogni sorta di “ammortizzatori sociali”.

Una volta convinto il popolo che il compito dello Stato è di punire i “ricchi” e favorire i “poveri”, lo si può convincere che lo Stato fa bene a sequestrare più del cinquanta per cento del reddito a quanti hanno la sfortuna di non essere del tutto “poveri” e ad incrementare costantemente il debito pubblico. Infatti, oggi tutti i politici di destra e di sinistra, anche le “sentinelle anti-tasse”, credono ad un famoso truffatore di nome John Maynard Keynes, il quale sosteneva impunemente che per fare crescere l’economia lo Stato deve sperperare i soldi dei contribuenti, indebitare i contribuenti non ancora nati e stampare denaro dal nulla.

Quando il debito pubblico è scoppiato come un ordigno nucleare, gli intellettuali si sono trovati in seria difficoltà. Come potevano continuare a fare credere al popolo che lo Stato fa bene a sperperare il denaro dei cittadini di oggi e di domani? Ma è semplice: facendo leva sull’invidia sociale, hanno puntato il dito contro la finanza, le banche, le agenzie di rating, la Germania della Merkel e il “liberismo selvaggio”. Nello specifico, sono riusciti a fare credere al popolo che la crisi del debito sarebbe stata deliberatamente provocata dai finanzieri e dai banchieri, che vengono dipinti come massoni che complottano per spartirsi i resti dell’Italia. Inoltre, sono riusciti a fare credere al popolo che l’Europa sarebbe in mano alla Germania, che si divertirebbe sadicamente a distruggere l’Italia imponendo la “austerità” e impedendo alla Bce di stampare altro denaro. Infine, sono riusciti a fare credere al popolo che la causa prima ed unica della sua infelicità terrena sarebbe un fantomatico eccesso di liberalismo economico, ribattezzato “liberismo selvaggio”. Inoltre, soo riusciti  a fare credere al popolo che “liberismo selvaggio” sarebbe sinonimo di  “darwinismo sociale”. Come all’interno di una specie gli individui più “adatti” liquiderebbero fisicamente gli individui “inadatti”, così nel mercato “liberista” i “ricchi” sfrutterebbero, opprimerebbero e deprederebbero i “poveri”.

A propalare menzogne, ossia a commettere atti di ingiustizia contro la verità, ci si sono messi anche i cattocomunisti e i tradizionalisti cattolici. Dando man forte agli intellettuali di sinistra, questi cattolici sostengono impunemente che il “liberalismo” sarebbe una ideologia anti-cristiana, sorella del comunismo e del nazismo. Per loro Ronald Reagan e Margaret Thatcher sarebbero poco meno criminali di Hitler e Stalin. Sempre attentando alla giustizia dell’informazione, traggono abusivamente dal Vangelo una ideologia pauperista e manichea secondo cui ogni povero sarebbe buono a prescindere mentre ogni ricco sarebbe cattivo a prescindere. Naturalmente, l’ideologia pauperista non può che portare alla socialdemocrazia keynesiana. Chi pensa che i ricchi siano tutti cattivi per definizione, finirà inevitabilmente per chiedere allo Stato di punire i ricchi spogliandoli di tutte le loro ricchezze e simmetricamente di premiare i poveri consegnando loro le ricchezze sottratte ai ricchi (in effetti la vecchia Dc era un partito socialdemocratico che mirava alla “ridistribuzione delle ricchezze”).

Fin quando propaleranno queste menzogne, questi cattolici non faranno che aggravare le vere ingiustizie sociali, che oggi sono quasi tutte causate da uno Stato ateo che diventa ogni giorno più avido e rapace. Non è certo il “liberismo selvaggio” che costringe le aziende a fuggire all’estero o a chiudere. Non è certamente il “liberismo selvaggio” che spinge gli imprenditori al suicidio. Sono le tasse.

L’unica maniera per combattere queste terribili ingiustizie sociali, è ristabilire la verità

Non è vero che i “ricchi” rubano ai “poveri”, almeno non più. Nei secoli passati il popolo, che non era ricco, era obbligato a mantenere la classe nobiliare, che era ricca. Ma la classe nobiliare ha perso da tempo immemorabile i suoi privilegi, e ai discendenti dei conti e di marchesi tocca andare a lavorare.  I ricchi di oggi non sono nobili parassiti del popolo bensì professionisti e imprenditori di successo, quasi tutti partiti dal nulla. In altri termini, nella società contemporanea, che è almeno in parte liberal-capitalista, la ricchezza è quasi sempre direttamente proporzionale al merito: più sei bravo e più guadagni.  Inoltre, per definizione il merito del singolo poco o tanto va a vantaggio di tutti. Il bravo imprenditore fa prosperare la sua azienda, facendo aumentare il reddito di suoi dipendenti e creando sempre nuovi posti di lavoro. Quindi nella società liberal-capitalista basata sulla meritocratica il ricco non ruba al povero ma casomai arricchisce sia se stesso che il povero.

Nella società di ieri, dominata dall’aristocrazia, c’erano pochi ricchi e molti poveri. Nella società di oggi, basata sulla meritocrazia, i poveri sono sempre meno. C’è qualcuno che ha il coraggio di dire che per le strade delle nostre città c’è più miseria che nell’Inghilterra di Dickens? Per quanto possa sembrare scandaloso, per quanto possa urtare la sensibilità (invidiosa) di molti, oggi i poveri sono meno poveri proprio per merito degli odiati “ricchi”. Infatti, sono i professionisti di successo e gli imprenditori di successo a creare posti di lavoro per i poveri e a introdurre quelle innovazioni tecnologiche che migliorano la vita di tutti.  Oggi le invenzioni di Steve Jobs e Bill Gates – per dirne solo due – entrano anche nelle case più umili, che hanno a disposizione confort e tecnologie che i nobili di ieri neppure si sognavano.

Non è vero che oggi i ricchi sono sempre più ricchi e i poveri sono sempre più poveri: è vero piuttosto che aumenta la “forbice” fra ricchi e poveri. A livello matematico, se un povero e un ricco raddoppiano i loro rispettivi stipendi, a livello matematico il divario fra i due stipendi aumenta. La distanza che c’è ad esempio fra 500 euro e 5000 euro è minore rispetto alla distanza c’è fra 1000 euro e 10.000 euro. A questo punto si può obiettare che, se lo Stato socialdemocratico toglie 5000 euro a chi ne guadagna 10.000, in primo luogo il ricco non morirà di fame e in secondo luogo lo Stato potrà investire produttivamente quei soldi, creando posti di lavoro da dare ai “poveri. In realtà, in ogni angolo del mondo i posti di lavoro pubblici sono tutti nel migliore dei casi poco produttivi e nel peggiore del tutto inutili. Già Frédéric Bastiat (1801 – 1850) nel secolo XIX si era accorto che i burocrati non solo non producono nulla ma rallentano ed ostacolano la produzione delle ricchezze opprimendo i cittadini produttivi con scartoffie. E oggi di impiegati-burocrati nelle pubbliche amministrazioni ce ne sono dieci volte tanto rispetto a quanti ce ne erano in Francia ai tempi di Bastiat. E poi c’è anche di peggio dei burocrati. Servono forse a qualcosa dieci forestali per ogni albero della Sicilia? Per quanto riguarda i “servizi” ai cittadini forniti dai comuni e dalle regioni, ciascuno ha avuto modo di verificare che sono vergognosamente inefficienti. Al sud di sanità pubblica di può morire.

Dobbiamo avere il coraggio di dire che l’insieme dei posti di lavoro pubblici non creano le ricchezze ma le bruciano soltanto. Dobbiamo avere il coraggio di dire, con Bastiat, che ogni lavoratore pubblico è un parassita mantenuto dai contribuenti. Dobbiamo avere il coraggio di dire che i soldi dei contribuenti, oltreché ai parassiti che vegetano nei posti di lavoro pubblici, sono intascati da ladri di ogni genere e grado. Nei loro libri-inchiesta, Rizzo e Stella descrivono in maniera dettagliata tutte le innumerevoli, fantasiose maniere con cui la gente che gestisce il flusso denaro pubblico se ne mangia una parte senza dare nell’occhio.

Quindi, non è vero che lo Stato socialdemocratico toglie ai ricchi per dare ai poveri: è vero piuttosto che toglie ai produttori di ricchezza per dare ai parassiti e ai ladri.  Se lo Stato lasciasse i soldi ai legittimi proprietari, che quei soldi se li sono guadagnati col merito e il duro lavoro, questi potrebbero impiegare quei soldi per creare posti di lavoro produttivi. Infatti, in ogni angolo del pianeta i posti di lavoro privati sono per definizione infinitamente più produttivi dei posti di lavoro pubblici. Ai “poveri” converrebbe molto di più avere a disposizione posti di lavoro produttivi piuttosto che farsi mantenere dai contribuenti. Invece di permettere loro di creare ricchezza e posti di lavoro, lo Stato impone ai “ricchi” produttivi tasse talmente esorbitanti che questi sono costretti a chiudere bottega, e, se possono, a fuggire all’estero. Alcuni si suicidano.

Quando ha finito di sperperare i soldi dei contribuenti viventi e non può ulteriormente indebitare quelli futuri, il governo socialdemocratico, su consiglio di John Maynard Keynes, fa quello che un privato cittadino non può fare senza finire in galera come “falsario”: stampa denaro dal nulla. A memoria d’uomo, quando il governo “falsifica” montagne di miliardi, si verifica quel fenomeno che si chiama inflazione, e che altro non è se non una tassa occulta anzi un furto occulto. Togliere valore al denaro faticosamente accumulato dai cittadini col duro lavoro non può chiamarsi altrimenti che furto.

Sfidando il buon senso e la logica elementare, Keynes diceva che i posti di lavoro improduttivi nel settore pubblico farebbero crescere l’economia. Se fosse vivo oggi, incoraggerebbe la regione Sicilia ad assumere ancora più forestali di quanti non ne abbia già assunti. D’altra parte, lui consigliava di assumere la gente per scavare le buche e per ricoprirle… D’accordo, è inutile spiegare nei minimi dettagli tutti i passaggi logici anzi illogici di un simile delirio. Dico soltanto che negli ultimi cinquant’anni tutti i governi occidentali hanno tartassato i cittadini produttivi, hanno indebitato i cittadini non ancora nati (“deficit spending”) e hanno falsificato montagne di miliardi (“quantitative easing”) proprio l fine di creare il maggior numero possibile di posti di lavoro pubblici, che è come dire pagare la gente per scavare le buche e per ricoprirle.  A memoria d’uomo, queste politiche non hanno mai avuto effetti positivi. Tanto per chiarirci, le politiche keynesiane adottate da Roosevelt all’indomani della crisi del 1929 (il “New Deal”) non hanno posto termine alla crisi ma l’hanno trasformata in una Grande Depressione della durata di quindici anni. Subito dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale il governo Usa dovette dichiarare la bancarotta e tagliò tutte le spese, rimandando a casa molti dipendenti.  L’economia statunitense forse tracollò? No: cominciò a crescere ad un ritmo prodigioso. Il boom economico che ha coinvolto gli Usa e, per riflesso, l’Europa dal 1945 al 1965 circa non ha eguali nella storia dell’umanità. Poi il governo degli Usa tornò a sperperare i soldi dei cittadini e a stampare denaro dal nulla. E negli anni Settanta il mondo occidentale conobbe un nuovo mostro: la stagflazione, che la compresenza mortale di inflazione e disoccupazione.

La storia di oggi dimostra al di là di ogni ragionevole dubbio che ridistribuire le ricchezze significa distruggerle, che falsificare denaro significa rubare e che non si può indebitarsi all’infinito senza mai pagare i creditori. Sia chiaro a tutti che i colossali debiti che stanno inghiottendo, come buchi neri, le nazioni occidentali sono stati causati da cinquant’anni di “deficit spending” keynesiano. E sia chiaro che non solo per la piccola insignificante Italia ma per ogni nazione europea, per gli Usa e per il Giappone non c’è scampo se non si comincia immediatamente a tagliare all’osso la spesa pubblica. Come possono sopravvivere delle nazioni in cui c’è un parassita improduttivo ogni dieci cittadini produttivi? Insomma, oggi non sono i “ricchi” a rubare ai “poveri”: è lo stato a rubare sia ai ricchi che ai poveri per dare ai parassiti e ai ladri.

Invece di denunciare il problema del debito, i politici e gli intellettuali di sinistra se la prendono con i tedeschi, con gli speculatori e i banchieri, invitando il popolo a linciarli: “I tedeschi ci impongono l’austerità e ci impediscono di stampare denaro, mentre banchieri e speculatori hanno svenduto i titoli sovrani italiani per alzare gli interessi sul debito e guadagnarci!”. Ora, come ho detto, stampare denaro significa rubare e quindi dobbiamo ingraziare la Merkel, che fa di tutto perché non venga stampato. Quanto alla fantomatica “austerità”, quello che l’Europa aveva chiesto all’Italia era di tagliare la spesa pubblica, non di alzare le tasse. Ma i politici hanno preferito alzare le tasse pure di non tagliare un solo euro e non scontentare così i parassiti, che valgono oggi parecchi milioni di voti. Per non perdere pochi milioni di voti, condannano alla morte economica cinquanta milioni di cittadini. Sia chiaro a tutti che nessuna nazione nella storia umana è mai sopravvissuta con una tassazione così alta. E veniamo alla svendita dei titoli di Stato italiani. Semplificando al massimo, un titolo di stato è un pezzo di carta che rappresenta un brandello del debito pubblico italiano, poniamo 1000 euro. Se un risparmiatore decide di compralo, lo Stato italiano si impegna personalmente a restituirgli in futuro 1000 euro più un piccolo interesse, poniamo 50 euro. Ma ormai i risparmiatori non vogliono comprare i titoli italiani, perché sanno bene che difficilmente lo Stato italiano riuscirà a ripagarli. Infatti il debito è ormai fuori controllo, e non basterebbe tutto il Pil italiano per ripagarlo. Voi che imprecate contro le banche e le agenzie di rating demo-pluto-giudaico-massoniche, rispondete sinceramente: se foste voi a possedere montagne di titoli sovrani che molto probabilmente non verranno ripagati, rischiando così di finire su una strada a chiedere l’elemosina, non cerchereste forse di liberarvene? Per invogliare le banche e i risparmiatori a comprare gli svalutati titoli italiani, lo Stato italiano alza gli interessi sul debito. Se un risparmiatore compra 1000 euro di debito, lo stato si impegna a restituirgli in futuro 1000 euro più 100. E quando 100 non bastano ad attirare risparmiatori, lo stato ne promette 200, poi 300, poi 400… finché gli interessi sul debito diventano insostenibili. Insomma, pure di non tagliare la causa prima del debito, che è la spesa pubblica, lo Stato ci condanna a pagare oltre all’insostenibile debito anche gli interessi sul debito. Che è come dire che ci condanna a morte.

Come accennato, gli intellettuali della sinistra radical-chic fanno credere agli italiani che la “crisi” sarebbe causata dal fantomatico “liberismo selvaggio”. Ma come abbiamo visto, in realtà la causa prima e unica della crisi è la spesa pubblica. La spesa pubblica sta al mercato liberale come la polmonite sta ai polmoni. Infatti, le esorbitanti tasse sul lavoro e sul consumo necessarie a sostenere una spesa pubblica ormai fuori controllo, cui si aggiungono una selva bizantina di regolamenti inutili, fanno agonizzare il mercato. Quindi, fra tasse insostenibili e inquinamento burocratico, di “liberismo selvaggio” non c’è mai stata traccia né in Italia né negli altri paesi occidentali. Quello che i mentitori chiamano “liberismo selvaggio” in realtà si chiama liberalismo, ed è l’esaltazione di una cosa meravigliosa che si chiama libertà economica.

La storia dice che questo mondo non è perfetto e che quindi non esiste la soluzione perfetta per tutti i problemi del mondo. Tuttavia esistono soluzioni migliori delle altre. Ebbene, solo chi non conosce la storia recente può negare che, laddove è stato applicato, il liberalismo ha sempre portato maggiore prosperità economica e maggiore benessere per tutti, non solo per i “ricchi”, di quanto non ne abbia mai portati la socialdemocrazia. Nessuno può negare che negli anni Ottanta, per merito delle riforme liberali di Ronald Reagan e di Margaret Thatcher, le economie degli Usa e della Gran Bretagna crebbero aritmi vertiginosi, trainando la crescita economica di tutte le altre nazioni occidentali, Italia compresa. Poi negli anni Novanta sia gli Usa che la Gran Bretagna liquidarono tutte le riforme liberali, e iniziò quel lento declino economico che nel 2008 è diventato tracollo. Quindi a monte della crisi non c’è il “liberismo selvaggio” ma proprio l’abbandono del “liberismo selvaggio”.

Oltretutto, i cattolici che considerano abusivamente il liberalismo una ideologia anti-cristiana, sorella del comunismo e del nazismo, sappiamo che nella enciclica Centesimus annus Giovanni Paolo II, seguendo il liberale cattolico Michael Novak, dava sostanzialmente ragione ai liberali. Sappiano inoltre che sia Ronald Reagan che Margaret Thatcher erano cristiani convinti (pare che Reagan sia diventato addirittura “papista” in fin di vita). E la loro fede cristiana non era per nulla indipendente dalle loro convinzioni liberali. Infatti, il liberalismo non è una ideologia modernista, sorella del comunismo e del nazismo, ma è una corrente di pensiero che affonda le sue radici nella Summa san Tommaso d’Aquino e, prima ancora, nel Vangelo. Il pensiero liberale del divino dottore fu poi perfezionato e approfondito dai tomisti dei secoli successivi, in particolar modo da quelli della scuola di Salamanca. John Locke non disse nulla che non fosse già stato detto un secolo prima da quei dotti monaci spagnoli. Prima ancora che nella Summa, il pensiero liberale affonda le radici nel Vangelo. Nella parabola dei talenti Gesù paragona il buon cristiano ad un servo che sa fare fruttare un piccolo capitale iniziale di pochi talenti.  In numerose parabole si parla di piccoli imprenditori agricoli che danno lavoro a parecchi “servi” ossia dipendenti. Poiché si fondava sul Vangelo, la società europea era estremamente “liberale” in campo economico già nell’alto Medioevo. Il capitalismo è nato nei conventi cistercensi, che erano anche ferventi centri di scambio, e le banche sono nate nei comuni italiani. Lungo le vie commerciali che univano l’Italia settentrionale alla Baviera alla Borgogna alle Fiandre si muovevano ininterrottamente uomini, merci, idee e pure arte. La pittura italiana e la pittura fiamminga si sono nutrite di reciproche influenze. La Firenze di Dante era ricchissima.

In effetti, nell’epoca più cristiana della storia, le persone non si vergognavano di creare e accumulare ricchezza per sé stesse e specialmente per il prossimo.  Come fai a fare la carità ai poveri se non produci abbastanza neppure per te stesso? Insomma, la gente di fede nel Medioevo sapeva trattare con distacco i beni terreni e, all’occorrenza, spogliarsene (sull’esempio di san Francesco), ma non era pauperista. Infatti il pauperismo è una ideologia satanica che deriva dall’eresia catara e manichea, che denigra la carne e la creazione di Dio. Cristo non era cataro. Nelle sue parabole, non condanna la ricchezza ma condanna piuttosto il cattivo uso della ricchezza. Il ricco Epulone va all’inferno non perché è ricco, ma perché passa le sue giornate a gozzovigliare senza curarsi dei poveri come Lazzaro, che raccoglie le briciole che cadono dalla sua mensa. In altre parabole il personaggio “buono” è proprio un padrone mentre il “cattivo” è un suo servo. Quale è dunque la differenza fra il ricco cattivo e il ricco buono? Che il primo non aiuta i poveri e pensa solo a godere le sue ricchezze, mentre il secondo aiuta i poveri e investe proficuamente le sue ricchezze in una vera e propria azienda.

Accecati dal pauperismo anti-cristiano, i catto-comunisti idolatrano lo Stato che “ridistribuisce le ricchezze2 ossia che pretende di togliere ai ricchi per dare ai poveri. Infatti, nella loro visione manichea il ricco è cattivo a prescindere e il povero è buono a prescindere, e di conseguenza pensano che lo Stato abbia il dovere di “punire” il ricco.  Essi non si rendono conto che lo Stato socialdemocratico redistribuzionista è intrinsecamente anti-evangelico, in primo luogo perché ostacola la produzione dei beni, in secondo luogo perché vorrebbe rendere superflua la carità o, in altri termini, imporre quella che Rosmini chiamava “carità coatta”. Infatti, togliere al ricco tramite il fisco per dare al povero significa, in un certo senso, forzare il ricco a fare la carità. Ma se è imposta, se non è libera, la carità cessa di essere una virtù. I ricchi hanno certamente l’obbligo morale di aiutare i poveri: ma devono farlo liberamente, per amore dei poveri e di Dio, non per paura di Equitalia.  Quindi, la socialdemocrazia è intrinsecamente anti-cristiana. Aggiungo che proprio John Maynard Keynes, uno dei massimi rappresentanti della corrente socialdemocratica, era un aristocratico massone che disprezzava profondamente il popolo e soprattutto i valori cristiani del popolo. Nella sua visione, il popolo doveva essere guidato da una piccola minoranza di Illuminati come lui. Egli operò una sorta di ribaltamento di tutti i valori cristiani in economia. Se il Cristianesimo insegna le virtù della parsimonia e della prudenza, che generano la tendenza economica al risparmio e alla previdenza, invece Keynes consiglia la prodigalità assoluta. Se il Cristianesimo induce il popolo a comportarsi come una formica, invece Keynes spinge il popolo si comporti come una cicala.

Ecco, la verità è questa. Ma il popolo la ignora. C’è qualche speranza di farla conoscere al popolo prima che sia troppo tardi?

P. S.

Da quanto detto, si capisce che il “liberalismo” non ha nulla a che fare col “darwinismo sociale”, inteso come teoria della supremazia del forte sul debole. Nella società liberale sia il ricco che il povero si arricchiscono, sebbene in proporzioni diverse. Oltretutto, la stessa teoria di Darwin ha ben poco a che fare con la libertà economica. In Le balle di Darwin, Johnathan Wells spiega che negli Usa le scuole e le università che vivono di finanziamenti pubblici sostengono la teoria di Darwin, mentre le scuole e le università private, che stanno sul mercato, sostengono teorie alternative a quella di Darwin. In sostanza, la teoria di Darwin non riesce a stare sul “mercato” delle idee scientifiche. In effetti, non convince più né gran parte degli specialisti né il vasto pubblico. Le prove contro di essa sono talmente numerose che è impossibile citarle tutte adesso: magari ne riparlerò. Per il momento rimando al libro di Wells. Nella virtuale lotta per la sopravvivenza scientifica la teoria di Darwin è destinata a non sopravvivere

Commento che ho scritto sul blog dell’onorevole Maurizio Lupi. Forse le mie obiezioni fanno troppa paura al Pdl.

ERRATA CORRIGE: HO DOVUTO MODIFICARE IL TITOLO PERCHE’ HO SCOPERTO ADESSO CHE IL MIO COMMENTO NON ERA STATO CANCELLATO. iNFATTI, L’ONOREVOLE LUPI O CHI PER LUI MI HA SCRITTO PER INFORMARMI CHE PROBABILMENTE IL MIO COMMENTO E’ STATO CANCELLATO PER ERRORE. COMUNQUE IL CNTENUTO DEL MIO COMMENTO RESTA VALIDO E LO PRESENTO DI SEGUITO.

iL 1 MARZO MI E’ ARRIVATA UNA NEWSLETTER DALL’ONOREVOLE MAURIZIO LUPI, CHE HO SEMPRE REPUTATO UNO DEI POCHI AFFIDABILI I TUTTO IL PARLAMENTO.

ASPETTO IL TUO COMMENTO SUL BLOG > http://www.mauriziolupi.it/governo-italia-partiamo-da-cose-da-fare-subito/
Riteniamo che la coalizione Pd-Sel debba proporre un governo del Paese; con il Movimento 5 stelle? Se così vogliono è legittimo. Ma facciano chiarezza al più presto!
L’Italia non può certo attendere le tattiche della vecchia politica: con il voto gli italiani hanno bocciato le politiche di solo rigore e austerità del governo dei tecnici e chiedono la riduzione dei costi della politica e provvedimenti urgenti per abbassare le tasse su imprese e famiglie.

VISTO CHE ASPETTAVA IL MIO COMMENTO, L’HO SCRITTO PRONTAMENTE.

Parliamo di cose concrete? Eccone una concreta concreta, di matematica elementare:

come si fanno a tagliare le tasse se non si taglia quell’enorme spreco che ha nome di spesa pubblica?

Diciamoci la verità: il novanta per cento dei posti di lavoro statali sono completamente inutili.  Si farebbe prima a pagare gli impiegati statali per scavare le buche e per ricoprirle.

In effetti, tutti i politici, quelli del pdl compresi, credono alla favola keinesiana secondo cui per “stimolare” l’economia bisogna pagare la gente per scavare le buche e ricoprirle. Ma gli enormi debiti pubblici che si stanno mangiando l’Occidente dimostrano che la favola keynesiana non funziona.

La matematica non è una opinione: se si tagliano le tasse, bisogna tagliare la spesa pubblica. Ostinarsi a conservare una spesa pubblica improduttiva così mostruosamente alta e contemporaneamente tagliare le tasse è un imbroglio.

Quindi, il programma del Pdl (tagliare tasse sul lavoro, tagliare le spese della politica eccetera) di per sé è giusto, ma incompleto, perché manca un solo accenno al taglio della spesa pubblica.

Non possiamo andare avanti a mantenere a spese nostre un impiegato statale ogni tredici lavoratori produttivi del settore privato. Quell’impiegato improduttivo ogni tredici lavoratori produttivi  deve essere licenziato e costretto a cercarsi un lavoro vero. E’ più utile alla società come lavapiatti che come timbracarte che fra un timbro e l’altro si trastulla su Facebook.

Lo so, lei queste cose non può dirle, anche se sa che sono vere, perché perderebbe quel voto su tredici, e non entrerebbe mai in parlamento. Ma occorre coraggio, occorre dire le cose come stanno ed entrare in guerra contro i parassiti. La Thatcher ce l’ha fatta, ed è stata ripetutamente votata.

Tornando al Pdl, ormai ho la certezza, tristissima, che il Pdl ci ha imbrogliato per venti anni: usava un linguaggio liberale ma poi in segreto praticava lo statalismo. Ho aperto gli occhi quando Giannino – che senza lauree vale dieci volte Berlusconi – ci ha fatto vedere che sotto il Pdl tasse, spesa e soprattutto debito sono cresciuti.

Ma quello che proprio non posso accettare, è sentire esponenti del pdl che in tv dicono “il neoliberismo ha fallito”.

E no, questo è troppo: è il sintomo di una inaccettabile ignoranza. Il liberismo infatti non è mai stato applicato da nessuna parte, tanto meno negli Usa. Se avessero studiato un minimo, i pidiellini saprebbero che anche la crisi  finanziaria del 2008, iniziata dai subprimes, fu causata non dal liberismo ma dal contrario del liberismo: dal controllo dello stato sulla banca centrale. Nel 2001 la Fed abbassò i tassi di interesse in maniera scellerata su consiglio degli economisti statalisti-keynesiani, secondo i quali l’abbassamento artificiale dei tassi di interesse funzionerebbe come “stimolo” all’economia. E infine saprebbero che tutte le banche sono crollate una dopo l’altra, a partire dalla Lehman Brothers, perché un certo Clinton, presidente della sinistra keynesiana, nel 1999 fece cadere per legge ogni distinzione fra banche d’investimento e banche d’affari.

Ancora più inaccettabile, ancora più scandaloso, è il fatto che il Pdl diffonda la favola anch’essa keynesiana secondo cui “il debito è sostenibilissimo, basta stampare moneta e permettere alla Bce di emettere eurobond”. No, vedete, la favola del debito sostenibile è finita già da tempo. E non provatemi a citare il Giappone col suo 220% di debito. Infatti, secondo gli economisti seri (i cui articoli non vengono tradotti in italiano perché ai politici italiani non fa comodo) il Giappone non potrà andare avanti più di qualche anno con la politica keynesiana  basata appunto sull’emissione di moneta creata dal nulla e la vendita all’ingrosso di titoli sovrani ai suoi stessi cittadini. Il Giappone è in stagnazione da più di venti anni e c’è chi è sicuro che fra poco entrerà in recessione permanente.

(cfr. Francesco Simoncelli, Zombizzazione e conomica)

Ma Berlusconi queste cose non le vuole sentire e soprattutto non le vuole dire, perché perderebbe i voti di quell’italiano su tredici che campa alle spalle degli altri italiani.

Ciò detto, che importanza può avere un governo stabile? Comincio a credere che sarebbe meglio non avere nessun governo, come in Belgio, dove l’economia non a caso va bene.

Quindi, che Bersani faccia o non faccia l’alleanza con M5s oppure col pdl, non cambierà molto perché tutti e tre i primi partiti d’Italia, Pdl compreso, sono partiti statalisti di sinistra. A questo punto, spero soltanto che il default avvenga veramente, che l’Italia finisca davvero come la Grecia. E naturalmente, spero che frau Merkel tenga duro, e non conceda mai la truffa degli eurbond. Così quando avremo toccato il fondo, la gente si renderà conto che la spesa pubblica deve essere tagliata all’osso e potremo finalmente cominciare a risalire a rivedere le stelle.

LA NUOVA CACCIA ALLE STREGHE. La superstizione anti-finanziaria e anti-tedesca.

Nel sedicesimo secolo, nei paesi protestanti, specialmente in Germania, si diffuse la superstizione stregonica, che alimentò il triste fenomeno della caccia alle streghe. Ebbene, sembrerebbe che oggi si si diffusa una superstizione stregonica del tutto inedita, che alimenta la caccia agli evasori fiscali, agli speculatori finanziari e ai tedeschi. “Sono stati gli evasori e gli speculatori a spingerci sull’orlo del baratro!” – dice il popolino superstizioso – “I tedeschi potrebbero salvarci senza sforzo se solo lo volessero, ma non lo vogliono, nazisti maledetti!!!” Folle inferocite danno la caccia agli speculatori nel loro covo di Wall Sreet: “Occupy Wall Street”.

Ma di superstizioni si tratta, anzi di allucinazioni collettive create appositamente dal potere per ingannare il popolo, per nascondergli la verità. La verità è che è la spesa pubblica coniugata all’attuate sistema monetario a spingerci sul baratro. Che tanto più si allarga, a detta di Monti, quanto più ce ne allontaniamo.

Ma la spesa pubblica serve a qualcosa? In teoria, la spesa pubblica avrebbe tre funzioni: in primo luogo luogo servirebbe a fornire servizi essenziali ai cittadini, in secondo luogo servrebbe a ridistribuire le ricchezze, in terzo luogo funzionerebbe come “stimolo” dell’economia. Ora, in realtà la spesa pubblica non fa nessuna di queste tre cose. Quando non è inutile, è dannosa.

Vediamo i servizi essenziali. Lo stato li eroga al di fuori di quel formidabile meccanismo di controllo che è il mercato. Per stare sul mercato, i privati sono costretti a fornire buoni servizi e buoni prodotti a costi ridotti, sennò i consumatori li puniscono. Invece, i dirigenti e i dipendenti pubblici non hanno la necessità di offrire buoni servizi, dal momento che i consumatori sono costretti a pagare, tramite le tasse, quel servizio anche se fanno schifo.  Facciamo l’esempio della birra. Se vai in un supermercato, puoi scegliere fra diverse marche di birra. I produttori di birra sono in concorrenza fra loro: ognuno cerca convincerti a prendere la sua birra e non quella degli altri o, almeno, a prendere non solo quella degli altri ma anche la sua. (Per rimanere sul mercato non bisogna necessariamente distruggere il concorrente: il più delle volte i concorrenti convivono alla pari con reciproco vantaggio.) Per convincerti a prendere la sua birra, deve fare in modo che la sua birra sia buona e non costi troppo. Se un produttore offre una pessima birra ad un prezzo molto alto esce immediatamente dal mercato, perché nessuno è disposto a pagare di più per avere di meno. Chi è così stupido da comprare un pessimo prodotto, se nello scaffale vicino ce n’è uno migliore che cosa di meno? Dunque, la concorrenza è una cosa meravigliosa che costringe le persone a fare un buon lavoro a buon prezzo. Ebbene, le aziende pubbliche di ogni genere e grado non subiscono i benefici influssi di questa cosa meravigliosa. Il direttore e gli impiegati di un ministero pubblico non hanno bisogno di convincerti a preferire il loro servizio a quello dei concorrenti, perché non hanno concorrenti. Loro possono tranquillamente fornirti un servizio pessimo a prezzi esorbitanti perché tu non hai la facoltà di ribellarti. Infatti, quel servizio devi pagarlo lo stesso, che ti piaccia o no, tramite le tasse.

Un produttore di birra è costretto non soltanto a fornire una buona birraa buon prezzo, ma anche a tenere i conti dell’azienda in ordine. Se i conti non tornano, quell’azienda chiude. Al contrario, il dirigente pubblico non ha nessuna urgenza di tenere i conti in ordine. Se i conti non tornano, sarà lo Stato a sanarli, naturalmente con i soldi estorti ai contribuenti. Noto per inciso che i conti in disordine delle aziende pubbliche sono conseguenze di sitematiche creste sulle spese ossia furti e ladronerie. Come se non bastasse, niente e nessuno impedisce ai dirigenti pubblici di distribuirsi a vicenda stipendi molto più alti di quello di Obama.

Per offrire buona birra, un produttore di birra è costretto a scegliersi dipendenti e collaboratori bravi. Se non sono bravi, la qualità del prodotto scade e l’azienda va fuori mercato. Senza meritocrazia una azienda non spravvive. Al contrario, un dirigente pubblico non ha una sola ragione per premiare il merito, dal momento che non ha una sola ragione per migliorare il servizio. In altri termini, non ha nessuna ragione per non mandare avanti parenti, amanti e amici. E così negli ambienti pubblici, specialmente nelle università pubbliche, sciamano raccomandati, figli, coniugi, cugini dal primo al decimo grado. A nostre spese, naturalmente.

Apparentemente, gli ospedali pubblici sono in concorrenza con quelli privati. In realtà, l’ospedale privato è svantaggiato sul piano del prezzo. Se vado in una clinica privata devo pagare, se vado in un ospedale pubblico non pago perché quest’ultimo è foraggiato dalle tasse. Dal momento che ha questo vantaggio sul prezzo, l’ospedale pubblico è fuori dal mercato. Ed essendo fuori mercato, non può che offrire un servizio scadente. Quindi, non stupitevi se all’Umberto I di Roma o al Cardarelli di Napoli le sale operatorie sono brodi di coltura di funghi e germi, se le persone muoiono nelle sale di attesa dei pronto soccorsi pubblici e tante altre belle cose. Ma come ho detto, la stragrande maggioranza delle persone continuerà lo stesso a farsi curare nelle strutture pubbliche anche se preferirebbe farsi curare in quelle private per la semplice ragione che il fisco non lascia loro in tasca abbastanza soldi per pagare il conto delle cliniche private, le quali di conseguenza diventeranno roba da ricchi. Dove sta l’inganno? L’inganno sta nel fatto che in realtà un malato non ricco l’ospedale pubblico lo paga eccome: tramite le tasse. E per le ragioni di cui sopra (sprechi, creste, furti eccetera)lo paga molto più di quanto pagherebbe la clinica privata. Quando si va ad indagare, si scopre gli ospedali in cui avvengono gli orrori denominati “malasanità” continuano a bruciare una quantità di denaro dieci o venti volte superiore rispetto a quella che ha bruciato il san Raffaele. Se lo stato lasciasse nelle tasche dei cittadini i soldi che ogni anno versa nelle casse degli ospedali pubblici, tutti i cittadini o quasi (perché quelli troppo poveri ci sono sempre) potrebbero permettersi le cliniche private.

Che i ministeri e le aziende pubbliche siano inclini alle inefficienze e agli sprechi lo vedono tutti. Che fare? I giustizialisti del Sel e del Fatto Quotidiano credono che il rimedio a tanta corruzione sia il controllo poliziesco. Insomma, per loro si tratta di riempire i luoghi pubblici di controllori pronti a consegnare alla giustizia chi sgarra. Ma qui si pone un antico problema: chi controlla i controllori? Chi o che cosa impedirà al controllore non solo di fingere di non vedere ma di partecipare direttamente a furti e ladronerie? Nessuno e niente. E chi o che cosa impedisce al controllore del controllore di fare lo stesso? Nessuno e niente. E stiamo tranquilli che i magistrati indagheranno su controllati e controllori corrotti solo fin quando serve alla loro parte politica.

Già prevedo l’obiezione buonista: dobbiamo educare le persone alla moralità. D’accordo, l’educazione alla moralità e ai valori fa sempre bene, ma è largamente insufficiente. Poche storie: a causa del peccato originale, l’uomo tende maggiormente al male che al bene anche se razionalmente riconosce che il bene è bene. Quindi, l’unica maniera di limitare il male è eliminare o almeno ridurre le occasioni di male e rendere conveniente la pratica del bene. Ebbene, il posto di lavoro pubblico è pieno di occasioni per fare il male. Come l’occasione fa il ladro, così il posto di lavoro pubblico fa il fannullone e il posto di dirigente pubblico fa lo sprecone. Viceversa, la pressione esercitata dalla concorrenza costringe i lavoratori e gli imprenditori a dare sempre il meglio. 

E veniamo al mito della ridistribuzione delle ricchezze e al mito della spesa pubblica che farebbe da “stimolo” all’economia. All’apparenza, lo Stato toglie ai ricchi per dare ai poveri. In realtà, toglie ai produttori di ricchezze per dare ai fannulloni. Tramite la spesa pubblica, lo stato crea tanti posti di lavoro palesemente improduttivi e li distribuisce a pioggia con l’intento di arginare la disoccupazione. Ma chi occupa un posto di lavoro palesemente improduttivo, merita un solo appellativo: parassita. Quindi, creare posti di lavoro fittizi non serve ad arginare la disoccupazione: serve a nasconderla, fra l’altro provocandone un aumento. Infatti, con i soldi che lo stato toglie ai contribuenti per darli ai suoi assistiti, gli imprenditori avrebbero potuto crearci altri posti di lavoro. La differenza fra i posti di lavoro creati dallo stato e quelli creati dai privati è che i secondi sono produttivi, i primi no. Quindi, le ricchezze spostate in maniera coercitiva dalle tasche dei contribuenti alle tasche dei dipendenti pubblici sono, nella stragrande maggioranza dei casi, ricchezze bruciate, che  non creano altra ricchezza e altri posti di lavoro. Lo stato usa il denaro pubblico anche per salvare le aziende in difficoltà. “Vedete che il capitalismo ha bisogno dell’aiuto dello stato”, dicono i keynesiani. Su questo, mi limito a dire che Von Hayek aveva avvertito che dare il denaro pubblico alle aziende in difficoltà è come buttarlo dalla finestra. Se una azienda non riesce a stare in piedi sulle sue gambe, è meglio che vada in liquidazione, così verranno liberate delle risorse che potranno essere meglio impiegate da altri imprenditori.

E veniamo alla superstizione dell’evasione fiscale. Le tasse e la spesa pubblica fanno male all’economia anche nei periodi di crescita economica. Infatti, tramite le tasse vengono sottratte ai cittadini e distrutte in maniera improduttiva delle risorse che i cittadini potrebbero investire in maniera più proficua, facendo crescere l’economia. Rileggersi Von Hayek: “allocazione delle risorse”. Quando l’aliquota fiscale supera i livelli di guardia, evadere significa fare del bene non soltanto a se stessi ma anche agli altri. Intendiamoci, c’è evasore ed evasore. Se l’evasore usa i soldi evasi solo per godersi la vita, è un egoista. Ma se li investe bene, diventa addirittura un altruista. L’evasore altruista, sottrae i soldi all’inceneritore della spesa pubblica e li fa fruttare, come il servo buono fa fruttare i talenti nella parabola evangelica (notare il legame genetico fra capitalismo e Vangelo). Facedoli fruttare, aiuta i povero. In eun certo senso egli, come un novello Robin Hood, ruba ai parassiti e dona ai poveri. Bisogna rileggersi Milton Friedman: “Se l’Italia si regge ancora in piedi è grazie al lavoro nero e all’evasione fiscale… l’evasore in Italia è un patriota”. E naturalmente, rileggersi Ludwig Von Mises, il quale spiega che il welfare state è una forma molto raffinata di sfruttamento dell’uomo sull’uomo ( http://www.facebook.com/mises.institute/posts/245277805587587 ). Con questo, non sto consigliando l’evasione fiscale. Dico soltanto che bisogna invertire l’ordine dei fattori: non è l’evasione fiscale a provocare l’aumento delle tasse, ma è l’aumento delle tasse a provocare l’evasione fiscale. Quando la pressione fiscale diventa insostenibile, bisogna scegliere se pagare le tasse o continuare a vivere. Si abbassi l’aliquota, si costringa lo stato a occuparsi unicamemnte di quello di cui i privati non possono occuparsi (politica, giustizia, esercito, infrastrutture), e vedrete che l’evasione fiscale comincerà a diminuire. Per saperne di più, digitate “curva di Laffer” su Google.

Qualche giorno fa alla trasmissione In Onda il solito keynesiano diceva: “I tagli alla spesa pubblica deprimono l’economia, mentre l’aumento delle tasse non deprime l’economia”. Ma è matto? Possiamo ancora accettare affermazioni come queste senza assaltare i palazzi d’inverno dello statalismo omicida?

E che dire della speculazione?

L’innalzamento dello spread è la logica conseguenza del fatto che i titoli dei Pigs valgono poco o nulla, dal momento che le economie dei rispettivi paesi non crescono più a causa dell’oppressione statale.

(cfr. Luttwak: www.youtube.com/watch?v=RtHJujLfZ_I )

Perché io dovrei comprare con i miei risparmi dei titoli spazzatura come quelli dei Pigs? Per masochismo? E perché invece dovrebbero farlo gli speculatori?

Ecco, la colpa degli speculatori è che non sono dei masochisti.

Torturiamoli a morte.

E spariamo in testa agli zombi crucchi che non vogliono gli eurobond.

Così tornerà il benessere diffuso.

Veniamo alla superstizione anti-tedesca. Su Tempi (Stefano Morri) leggo: “Nessuno mette in discussione la necessità di abbattere il debito pubblico. Ma tutti sanno ormai che questo non si può fare riducendo la spesa, per lo meno non nel breve periodo”. Sono allibita perché tagliare la spesa pubblica, ridurla all’osso, è l’unica soluzione. Dire che la spesa pubblica non può essere tagliata equivale a difendere il parassitismo e la distruzione delle risorse. Ma sono ancora più allibita quando leggo: “Ma la Merkel non stamperà. Non in tempo utile. È molto al di sopra delle sue forze e, forse, e questo è peggio, al di sopra della sua intelligenza”. No, vede, senza offesa, se c’è qualcuno che soffre di carenza di intelligenza non è una che si rifiuta di derubare il popolo con l’inflazione. Dal momento che non può più essere convertito in oro, il denaro che abbiamo in banca se lo può mangiare lo stato in ogni momento semplicemente stampando altro denaro. L’inflazione è una tassa anzi un pizzo occulto mediante cui lo stato copre e svaluta il suo debito, ma svaluta anche i beni dei cittadini, provocando l’impennata dei prezzi al consumo (https://www.facebook.com/photo.php?pid=9765742&l=56978fd71b&id=36496893934)(cfr. anche Massimo Zamarion, “Non pagare” i debiti). Se io stampo denaro, mi arrestano come falsaria. Nell’inferno di Dante i falsari stanno in fondo alle malebolge, appena al di sopra dei traditori. Ebbene, i keynesiani incoraggiano lo stato a commettere questo peccato mortale.

E veniamo a questi benedetti eurobond, che i tedeschi continuano a rifiutare. Tagliamo corto: gli eurobond sono solo una maniera per derubare i tedeschi, che vergogna:

«Supponiamo che Tizio e Caio richiedano un finanziamento alla banca. Tizio è in grado di dare ampie garanzie di solvibilità, Caio, invece, presenta un profilo meno affidabile. Poniamo che la banca sia disponibile ad erogare credito a entrambi, a Tizio a un tasso del 3% e a Caio del 6%, che riflette il maggiore rischio. La banca ad un certo punto dice a entrambi: signori c’è una nuova legge che dice che il merito del credito non conta più e ci impone di applicarvi un tasso uniforme, pertanto possiamo erogarvi i finanziamenti allo stesso tasso del 4.5 calcolato come media dei tassi che riflettevano il vostro grado di affidabilità. Ci dispiace, ma tu caro Tizio devi accollarti 1,5 % in più, per garantire Caio. Accetterebbero i politici italiani condizioni simili?. Pensiamo di no. Perché rappresenterebbe un sopruso ai danni dei propri contribuenti. Oppure, accettereste di essere obbligati ad avere una carta di credito in comune con degli spendaccioni? Certo che no perché si tratterebbe di un altro sopruso».
(dal Chicago blog di Oscar Giannino:
http://www.chicago-blog.it/2012/05/26/tripla-c-di-gerardo-coco/)

E gli italiani hanno perso la capacità di vergognarsi. Il debito italiano non lo hanno creato i tedeschi, perché devono pagarlo i tedeschi? Il debito italiano lo hanno creato gli italiani che vivono alle spalle degli altri: mi riferisco a quei PARASSITI che fingono di lavorare negli uffici pubblici e a quelli direttamente o indirettamente sono assistiti dallo stato. I parassiti italiani hanno succhiato il sangue dei lavoratori produttivi italiani per quaranta anni. Adesso di sangue nelle vene dei lavoratori produttivi non ce n’è più, e molti di loro si suicidano. L’unica soluzione razionale sarebbe mandare i parassiti a lavorare ossia tagliare la spesa pubblica.

Comunque, dal momento che i parassiti rappresentano ormai una fetta consistente dell’elettorato italiano, nessuna forza politica si sogna di andare contro i loro interessi. In più occasioni, Oscar Giannino ha invocato la creazione di un partito liberale. Magari, avessimo in Italia un vero partito di ispirazione liberale !!! Il pdl era un partito finto-liberale che diceva cose liberali e faceva cose illiberali ossia più spesa pubblica e più debito. Ma la verità è che un partito liberale prenderebbe pochissimi voti. Oggi infatti il numero di coloro che, direttamente o indirettamente, campano alle spalle dello stato ossia campano alle spalle degli altri è troppo rilevante, ed è destinato a determinare il risultato elettorale. E’ improbabile che chi vive alle spalle degli altri voti per un partito che vorrebbe impedirgli di continuare a vivere alle spalle degli altri. Il parassita non voterebbe mai per il partito degli antiparassitari. Ed è improbabile che una forza politica si metta apertamente contro l’enorme fetta di elettorato rappresentato dai parassiti. Vedi Mario Mauro e Maurizio Lupi, che infatti continuano a chiedere gli eurobond e l’emissione di carta straccia a forma di denaro da parte della Bce. Che vergogna. Insomma, ora che i parassiti sfruttatori sono quasi più numerosi degli sfruttati (lavoratori produttivi e imprenditori) siamo alla fine della famosa “road to serfdom”. La meta della schiavitù è stata raggiunta.

E il bello è che la sinistra al caviale continua a chiamare “giustizia sociale” quello che è solo parassitismo. Secondo la grande narrazione sinistrese, liberalismo significa stare dalla parte dei “ricchi” contro i “poveri”. In realtà liberalismo significa stare dalla parte di chi lavora sodo per produrre ricchezza per sé e anche per i poveri, mentre socialdemocrazia significa stare dalla parte di chi vive alle spalle degli altri. E quando la percentuale dei suicidi aumenta esponenzialmente fra gli sfruttati ossia i lavoratori produttivi e gli imprenditori, i sinistresi falsificano senza pudore le cifre: “Il numero dei suicidi è nella media”. Non è affatto nella media, come è stato dimostrato. Ma naturalmente, parlare di imprenditori in difficoltà e imprenditori che si suicidano va contro gli interessi dello stato e dei parassiti. Per questo, adesso è vietato: a Oscar Giannino è stato impedito di portare avanti su Radio 24 la sua campagna “Disperati mai”. Rimane una donna (Simona Perdazzini) a portare avanti valorosamente questa campagna in proprio, su Facebook.

In conclusione, c’è una soluzione alla crisi: tagliare la spesa pubblica. Mettere in circolazione gli eurobond significherebbe da una parte derubare i tedeschi, che non è bello, e dall’altra dare ai parassiti della spesa pubblica e del welfare la scusa per continuare a fare i parassiti facendo altro debito: ”tanto pagano i tedeschi”.

Che dire? Io tifo per i tedeschi. Amici tedeschi, tenete duro, non mollate, mandate a quel paese i parassiti del sud!!! Egregio dottor Schoeble, fallo capire tu a Mauro e Lupi che, se i tedeschi cominciano a pagare, l’Italia perderà l’ottima occasione di tagliare finalmente via la cancrena della spesa pubblica improduttiva e diventare finalmente quella superpotenza economica che merita di essere.

E sì, la nostra piccola nazione potrebbe davvero essere una superpotenza economica. Potremmo navigare nell’oro. Lo sapete che in Cina la domanda di prodotti italiani doc (automobili di lusso, moda, cibo eccetera) è talmente grande che stenta ad essere soddisfatta? E perché stenta ad essere soddisfatta? Perché lo stato ladro indebolisce a tal punto le nostre aziende, che queste non riescono a trovare le energie per sfruttare le occasioni offerte dalla Cina e dagli altri paesi emergenti.

Giovanna Jacob

Navigazione articolo